giovedì 22 marzo 2012

ARTICOLO 18: LA CGIL DICE NO ALLA RIFORMA SUL LAVORO E PROCLAMA 16 ORE DI SCIOPERO.

Oggi alle 16.00 governo e parti sociali torneranno a incontrarsi per stendere il testo che verrà portato in Parlamento. Napolitano non vuol il decreto e il Pd è pronto a dare battaglia in Aula per modificare quanto previsto dall'art.18 nuova versione: ''Io non accetto che Monti dica prendere o lasciare, è chiaro che noi votiamo quando siamo convinti, il testo va cambiato''. Le cose non sono così semplici nemmeno per Bersani visto che il partito è diviso tra chi, come Enrico Letta, non mette in discussione il sostegno a Monti e chi e' pronto a votare no.
''Non moriro' dando il via libera alla monetizzazione del lavoro'', si era sfogato nel pomeriggio in pieno Transatlantico il leader Pd, deluso per come il governo abbia usato il mandato ricevuto nel vertice a Palazzo Chigi, stravolgendo un ok ''al modello tedesco in un modello americano'' sui licenziamenti.

La tensione tra una parte del Pd, piu' sensibile alle proteste degli elettori di sinistra, e il governo raggiunge livelli di guardia. L'avviso di Rosy Bindi e' forte e chiaro: ''Questo governo puo' andare avanti se rispetta la dignita' di tutte le forze che lo sostengono''. Il no al governo sulla riforma del lavoro e' una parola indicibile ma dentro il Pd stesso le aree dei lettiani e dei veltroniani temono che Bersani, che sulla difesa dei lavoratori fonda la sua linea politica, possa rompere se la riforma in Parlamento non verra' modificata. ''Bisogna essere fedeli agli ideali della propria gioventu''', e' la professione di fede del segretario Pd che boccia come entita' che ''non esiste in natura'' l'ipotesi di un decreto ma e' fiducioso che il governo non sia a rischio perche' il governo sapra' ragionare con i partiti in Parlamento.

Per evitare pesanti fratture interne, anche un moderato come Dario Franceschini, dopo un faccia a faccia con il segretario, alza il tiro nella speranza di modificare il testo: ''Negli ultimi tempi c'e' stato un uso un po' eccessivo del decreto legge, su una materia delicata come il lavoro bisogna procedere con un ddl''.

Al di la' degli inviti all'unita', nel Pd tutti sono coscienti che o la riforma sara' ammorbidita, introducendo il giudice anche per i licenziamenti economici, o una spaccatura al momento del voto possa significare la fine del partito democratico. Secondo i calcoli tra parlamentari democratici, sarebbero una cinquantina i deputati 'montiani' che, davanti ad una posta cosi' alta per il futuro del Pd, non seguirebbero un'eventuale voto contrario sulla riforma: il provvedimento passerebbe lo stesso ma il Pd andrebbe in frantumi. Enrico Letta ammette il tornante decisivo per il Pd: ''Š un momento molto importante da cui verr… fuori la capacit… del partito a pensare pi- all'interesse comune che alle singole aspirazioni personali''.

Per evitare il 'cul de sac', anche Massimo D'Alema, da tempo piu' defilato sulle vicende di attualita', si spende per cercare modifiche sull'art.18 che ritiene ''confuso e pericoloso''.

0 commenti:

Posta un commento