giovedì 5 luglio 2012

SPENDING REVIEW: 1 STATALE SU 10 VIENE MANDATA VIA; I SINDACATI VOGLIONO SPIEGAZIONI E INIZIANO LA GUERRA.

L'aliquota Iva salirà a partire da gennaio, invece che di 2 punti e mezzo, due da ottobre e un altro mezzo punto dal gennaio 2014, come annunciato all'uscita della manovra Monti, di un solo punto, dal 21 al 22% per l'aliquota standard e dal 10 all'11% per quella ridotta; crescerà poi di un ulteriore mezzo punto dal 2014.

Eppure i tagli ci sono, eccome, e riguardano principalmente sanità, giustizia e pubblico impiego.

Il viceministro del Tesoro Vittorio Grilli - come riporta Internet e politica - ha confermato l'indiscrezione pubblicata qualche giorno fa:

"Nella spending review è previsto il taglio del 20% dell'organico dei dirigenti della Pa e del 10% dei dipendenti. Ma non solo, previste sforbiciate alle consulenze, alle spese per acquisto di beni e servizi oltre all'accorpamento di enti. Sospesi i concorsi per dirigenti, tagliate le risorse alle università e agli statali"

Proprio ieri 3 luglio 2012 la Camera ha votato Sì al primo decreto legge che istituisce la spending review. Il testo è stato approvato con 387 sì, 20 no e 47 astenuti. Il decreto, che ora torna al Senato, scadrà il 7 luglio.

Nella bozza del testo - riporta una nota dell'Agi - sono previsti il blocco degli stipendi e le ferie coatte per i dipendenti pubblici; la riduzione dei permessi sindacali del 10% per gli statali a pa

0 commenti:

Posta un commento